Ringraziamo il nostro sponsor richslots.it per il supporto

Il forum di Harambe attivo: clicca qui per parteciparvi!


Harambe è un'associazione senza fini di lucro nata a Bologna nel marzo 2004 grazie alla volontà di studenti universitari italiani e stranieri. La nostra voglia di cooperare per il miglioramento delle condizioni di vita umana traspare già dal significato del termine Harambe (noi insieme in lingua Swahili). Ci rivolgiamo con maggiore attenzione a quelle minoranze i cui diritti sono troppo spesso messi in discussione e la cui sopravvivenza, sia fisica che culturale, troppo frequentemente a rischio.

La diffidenza e la paura dell'altro nascono principalmente dall'ignoranza e dalla non-conoscenza, che rinchiude "il diverso" all'interno di stereotipi spesso difficili da modificare. Occorre, invece, trovare il coraggio di superare questi atteggiamenti, e crediamo che ciò sia possibile solo facilitando l'incontro reciproco fra persone di diversa provenienza socio-culturale, realizzando iniziative e interventi volti a minimizzare le distanze in questa realtà ormai multietnica. Fatto questo primo passo si comprenderebbe che molti problemi sono erroneamente attribuiti al semplice fenomeno dell' immigrazione e solo con azioni volte a indebolire le dinamiche di ghettizzazione potremmo creare una società più aperta al dialogo e all'ascolto. Perciò è assolutamente necessario creare uno spazio aperto alle multiformi voci della città e alle diversissime problematiche relative alla situazione internazionale.

Con i progetti Coccinella (presso il campo Trebbo di Reno), Zambet (presso Villa Salus) e Santa Caterina (presso S. Caterina di Quarto) Harambe vuole rivitalizzare negli abitanti dei centri di accoglienza la speranza e la fiducia nel futuro, agevolandone l'uscita dalla periferia nella quale sono cresciuti, mettendoli in contatto, fisicamente e socialmente, con la quotidianità della vita cittadina.

Con lo sportello sociale e i corsi di italiano per gli immigrati si vogliono attivare consulenze e aiuti nelle operazioni legate alle difficoltà per gli stranieri di destreggiarsi con la burocrazia. Tali avversità possono essere decisamente mitigate dalla buona comunicazione linguistica, ed è con questa convinzione che nascono i corsi di italiano per stranieri.

Vogliamo sottolineare il nostro impegno diretto a promuovere l'integrale attuazione dei principi universali di uguaglianza dei diritti e di libertà degli individui, sosteniamo inoltre, la lotta contro ogni forma di discriminazione e violenza. Siamo perfettamente consapevoli che si tratta di un progetto ampio e ambizioso, ma, non per questo, necessariamente utopico; agiamo, infatti, nella convinzione che le cose possono cambiare solo se ogni singola persona si sforza e lavora quotidianamente per farlo.